Biancaneve: giochi per ragazzi

Tags: , , , , ,

Quest’applicazione per Android è basata sulla favola per bambine “Biancaneve e i sette nani”.

Tuttavia, al fascino della trama così come la conosciamo è unita la bellezza di circa una dozzina di semplici ma efficaci giochi educativi per tutti i bambini tra i 7 e i 9 anni.

I giochi sono incentrati sui personaggi della favola.

Si tratta di divertenti compiti che allenano logica, memoria e attenzione del bambino, ad esempio:

  • Risolvi puzzle;
  • Gioca a sudoku,
  • Trova lo schema nella sequenza degli oggetti,
  • Costruisci una storia da una serie d’immagini,
  • Attraversa labirinti,
  • Risolvi memory con i nani

e altri giochi educativi per bambini.

L’applicazione, inoltre, è disponibile in 15 lingue: inglese, russo, tedesco, francese, spagnolo, portoghese brasiliano, italiano, olandese, giapponese, svedese, danese, norvegese, polacco, ceco e turco.

Attualmente disponibile per Android su Google Play. Clicca qui sotto:

Scarica adesso da Google Play

 

Sei uno sviluppatore e desideri promuovere la tua app in queste pagine? CLICCA QUI!

Ecco a voi la sezione App Reviews!

Tags: , , , , , , , , , , ,

Ciao a tutti!

Con grande piacere, vi presento la nuova sezione “App Reviews“!

Si tratta di una nuova sezione del blog aperta agli sviluppatori di applicazioni per dispositivi mobili e per sistemi desktop, che vogliono far conoscere le proprie opere al mondo intero.

Uno degli aspetti più complicati della vita dello sviluppatore è costituito, oltre che dalla capacità di realizzare un’app interessante e ben curata, dalla promozione dell’app.

I canali e gli strumenti per la promozione di un’app sono tanti. Lo strumento della recensione (review) è uno dei più importanti, poiché permette agli utenti di conoscere un’applicazione, ciò che fa, gli elementi chiave, ecc..

Ecco perché ho deciso di attivare questa rubrica, mettendola a disposizione di tutti coloro che intendono promuovere la propria app.

Quindi, perché non approfittarne? Se siete sviluppatori e avete un’app da promuovere, cliccate subito su QUESTO LINK!

Vi aspetto numerosi!

 

Installare e configurare un server RADIUS su Ubuntu in 10 minuti

Tags: , , , , , , , , , , , , ,

Ciao a tutti!

Come molti di voi sanno, il sito web http://www.travagliante.com non è soltanto il mio blog personale, ma anche un angolo che utilizzo per prendere appunti, uno strumento che mi permette di riportare le mie esperienze personali e che mi permette di “prendere nota” di attività che possono essere più o meno complesse e che possono portare ad una efficace configurazione di PC, di server o di dispositivi mobili.

Questa volta, voglio riportare in queste pagine alcuni brevi passaggi da seguire per installare e configurare un server con Ubuntu Linux in grado di svolgere le funzioni di un server RADIUS.

A cosa può servire un server RADIUS? Un server RADIUS si occupa di gestire l’autenticazione, a livello remoto, di utenti che devono accedere e utilizzare determinate risorse di una rete informatica. In passato, un server RADIUS veniva utilizzato soprattutto per autenticare gli utenti che si collegavano alle reti aziendali mediante una connessione in dial-up (con un modem). Attualmente, invece, un server RADIUS può essere utile per gestire le autenticazioni ad una rete (ad esempio, una rete wi-fi, un determinato servizio di networking, ecc.) e per stabilire gli opportuni privilegi, in base ad un nome utente e ad una password.

La funzione di server RADIUS può essere svolta da un dispositivo di rete specifico (ad esempio, un appliance firewall), oppure da un server Linux.

Dopo questa premessa, vediamo i passaggi da completare per installare e configurare un server RADIUS utilizzando Linux Ubuntu. La versione di Ubuntu da me utilizzata è la 16.04, ma certamente qualsiasi versione recente va bene.

1. Installare i packages necessari per il server RADIUS. Con Ubuntu, utilizziamo il software FreeRADIUS

apt-get install freeradius
apt-get install freeradius-ldap

2. configurare le informazioni inerenti il dispositivo che dovrà interrogare il server radius, per verificare l’autenticazione

Infatti, il server RADIUS accetterà le richieste di autenticazione esclusivamente da tale dispositivo (es.: un access point nel caso di una rete wireless, o un altro apparato di rete, ecc.). Per configurare le informazioni sul dispositivo, dobbiamo modificare il file /etc/freeradius/clients.conf

vi /etc/freeradius/clients.conf

In coda al file, inseriamo le seguenti righe, avendo cura di sostituire <IP del dispositivo> con l’indirizzo del dispositivo che si occuperà di accedere al server RADIUS, <password segreta> con una password da utilizzare per l’accesso alle informazioni RADIUS e <denominazione apparato> con un nome che ci permetta di identificare al meglio il dispositivo:

client <IP del dispositivo> {
secret = <password segreta>
shortname = <denominazione apparato>
nastype = other
}

ad esempio, nel caso in cui abbiamo un access point wireless con IP 192.168.0.1 che deve fare l’autenticazione al server RADIUS, utilizzando la password miapassword (che inseriremo successivamente nella pagina web di amministrazione dell’access point stesso), avremo qualcosa di molto simile a:

client 192.168.0.1 {
secret = miapassword
shortname = accesspoint1
nastype = other
}

3. aggiungere al server gli utenti che effettueranno l’autenticazione RADIUS

adduser utente1

adduser utente2

4. aggiungere gli stessi utenti alla configurazione RADIUS

vi /etc/freeradius/users

Precisamente, aggiungere al file users, in coda (avendo cura di sostituire <password utente 1> e<password utente 2> con le rispettive password degli utenti 1 e 2:

utente1 Cleartext-Password := <password utente 1>

utente2 Cleartext-Password := <password utente 2>

5. riavviare il servizio FreeRADIUS:

service freeradius restart

A questo punto, il server RADIUS è funzionante e accetta richieste di autenticazione dal dispositivo configurato all’inizio. Per leggere il log del servizio, utilizziamo il file /var/log/freeradius/radius.log:

cat /var/log/freeradius/radius.log

Invece, per effettuare un test, possiamo utilizzare l’apposita utility radtest, nella forma radtest utente1 <password utente 1> localhost 0 <password segreta> -x:

radtest utente1 password_utente_1 localhost 0 password_dispositivo -x

Per far partire il servizio RADIUS in modalità debug (per avere maggiori informazioni nel file radius.log):

freeradius -X

Fatto! Penso di aver scritto tutto. Per qualsiasi eventuale dubbio, non esitate a contattarmi.

Ciao a tutti! Al prossimo articolo!

Disattivare i servizi telefonici SMS a pagamento MobilePay

Tags: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Grazie a un amico, ieri sera ho avuto modo di constatare quanto sia facile per chiunque cadere in quella che definirei senza mezzi termini “trappola telefonica” dei servizi di informazione a pagamento.

Premetto che sto sempre molto attento durante la navigazione Internet e che seguo tutte le solite raccomandazioni relative all’apertura di pagine web e links (es.: controllo con attenzione I domini dei links presenti nelle email, evito come la peste i siti e i servizi che chiedono di inserire il mio indirizzo email o, peggio, il mio numero di cellulare, di rispondere a SMS, ecc.). (altro…)

Pagina 1 di 30012345...102030...Ultima »