Kaspersky Total Security 2018: la suite di eccellenza per la sicurezza multi-piattaforma

Ciao a tutti!

Oggi parliamo di un prodotto per la sicurezza che, nel corso degli anni, si è affermato come un prodotto di eccellenza in tutto il mondo: Kaspersky Total Security.

Kaspersky è una nota società russa che si occupa di sicurezza del software fin dal 1997, quando fu fondata da Eugene Kaspersky. Oggi è uno dei migliori antivirus! Nel corso degli anni, Kaspersky ha costruito una reputazione molto buona ed è proprio questa reputazione che metteremo alla prova oggi, dando un’occhiata alla ultima e ricchissima suite anti-malware: Kaspersky Total Security.

Questa suite software offre innumerevoli caratteristiche interessanti, ma in questo articolo ci concentreremo sulle funzionalità di base: protezione dai malware e scansione dei virus.

Kaspersky Total Security

Compatibilità

Dal punto di vista della compatibilità, Kaspersky Total Security è una suite software che include:

  • Kaspersky Total Security per Windows;
  • Kaspersky Internet Security per Mac e Android;
  • Kaspersky Password Manager per Windows, Mac, iOS e Android;
  • Kaspersky Safe Kids per Windows, Mac, iOS e Android;
  • Kaspersky Safe Browser per iOS e Windows Phone.

La funzionalità differiscono su ogni piattaforma, motivo per cui in questo articolo ci limiteremo a testare la suite software di Windows.

Installazione

L’ installazione della suite è un processo molto semplice e si compone di 2 fasi: installazione a attivazione del prodotto. Dopo aver fatto doppio clic sull’eseguibile .exe, l’intero programma si installa molto facilmente. A questo punto, il prodotto deve essere attivato, così da essere pronto all’uso. L’installazione comprende anche tutti i plugin del browser e gli altri strumenti esterni, che si installano automaticamente.

Protezione Attiva contro i Malware

Il software di Kaspersky fornisce protezione sia contro le minacce già esistenti sul computer, sia contro chi cerca di invadere il sistema dall’esterno. Oltre ad un servizio di prevenzione automatica degli exploit, che controlla tutte le possibili lacune di sicurezza presenti nel sistema in tempo reale, il software fornisce una solida protezione contro i potenziali attacchi basati sul Web.

Il plugin migliorato offerto per il browser del consulente URL classifica gli URL e avverte l’utente quando un link è sospetto. Anche se poi l’utente decide di cliccare sul link, il software anti-malware cattura qualsiasi malware sulla pagina web e si assicura di bloccarlo o di metterlo in quarantena prima che riesca a causare danni.

Oltre alla protezione della navigazione web, è presente un firewall bidirezionale molto solido, che previene le richieste di rete non autorizzate.

Tutte le analisi per la protezione vengono eseguite senza compromettere la velocità del PC. In effetti, provando il software per diverso tempo su alcuni sistemi di test, non si riscontra alcun rallentamento rilevante.

Protezione passiva contro i malware

Anche se un malware supera i sistemi di verifica attiva, la scansione anti-malware a livello di sistema è in grado di offrire un ulteriore difesa. Una scansione veloce e affidabile filtra tutti i rootkit, virus, PUP e le ulteriori minacce che si possono incontrare navigando nel web, assicurando che il sistema rimanga sicuro 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Oltre ai normali metodi di scansione, il software consente di eseguire una scansione delle vulnerabilità, che consente di ricercare difetti e buchi di sicurezza presenti nel sistema, consigliando, in caso positivo, l’installazione di determinate patch prima che i bugs vengano sfruttati da un attacker.

Durante le prove, comunque, si è cercato di testare questa capacità di scansione scaricando diverse versioni del virus di test EICAR, ma appena scaricato dal sito il Kaspersky Total Security Active Shields lo ha rilevato e bloccato, prima che il virus di test fosse in grado di raggiungere il disco rigido.

Funzionalità Aggiuntive

Oltre alle sue funzioni principali, questa suite software ne contiene molte altre come, per esempio:

  • un programma di aggiornamento software;
  • un programma per la pulizia del sistema;
  • un programma di pulizia del software;
  • un distruggi File;
  • una Sandbox per la navigazione;
  • una protezione della Webcam;
  • la gestione della connessione sicura;
  • la memorizzazione delle password;
  • i controlli parentali (“Kaspersky Safe Kids”);
  • la protezione da Ransomware;
  • la crittografia dei file.

L’utente può decidere quali di queste funzioni ritenere più o meno utili, ma va detto che questa suite anti-malware è davvero in grado di coprire qualsiasi esigenza.

Verdetto

Nella cybersecurity, l’elemento chiave è il buon senso, che si traduce in regole del tipo: “stare lontano da sorgenti non sicure”, “non collegare alcun dispositivo non attendibile al pc”, ecc.

Comunque, anche l’acrobata circense più allenato, magari mentre cammina su una fune, è molto più al sicuro sapendo che sotto c’è una rete di protezione, per quanto possano essere minime le sue possibilità di caduta.

Kaspersky Total Security fa proprio questo, offre una rete di protezione per l’utente, anche se scaltro ed esperto.

Certamente non è infallibile, del resto la sicurezza assoluta è un’utopia. Ma combinato con una certa cautela, assicura un un buon margine di sicurezza contro i cyber-criminali in circolazione su Internet.

Bash in pillole: Usare TAR per creare e accedere agli archivi .tar.gz e .tar.bz2

Eccoci qui con un nuovo post sull’utilizzo del terminale di Linux (utile anche per chi utilizza Mac OS o qualsiasi altro sistema operativo Unix-based). In questo articolo vedremo come utilizzare il comando “tar” per accedere al contenuto di archivi .tar o .tar.gz (i cosiddetti “tarballs“).

Il comando tar ha un grande numero di opzioni, ma molte di esse sono utili per un impiego avanzato, mentre per un utilizzo comune basta conoscere davvero pochissime lettere.

Su gran parte delle distribuzioni Linux e su Mac OS è presente la versione GNU di tar, che contiene anche le funzionalità di compressione. In pratica, tar può creare archivi compressi con gli algoritmi gzip e bzip2, permettendo di generare con un solo comando files .tar.gz o tar.bz2.

CREAZIONE DI UN ARCHIVIO

Detto questo, vediamo subito come creare un archivio tarball da una specifica directory. Una delle comodità di creare un archivio in questo modo è il fatto che i permessi dei files non vengono modificati, come invece avviene quando copiamo normalmente la directory da un path ad un altro.

Apriamo il nostro terminale e digitiamo:

tar -czvf nomearchivio.tar.gz  /path/della/directory/da/comprimere

dove “nomearchivio” rappresenta il nome che vogliamo dare al file .tar.gz e “/path/della/directory/da/comprimere” il percorso della directory che vogliamo comprimere.

Le opzioni utilizzate per la creazione dell’archivio sono:

  • c – crea un archivio;
  • z – l’archivio deve essere compresso con l’algoritmo gzip;
  • v – usa la modalità “verbose”, cioè descrittiva. In pratica, mostrami i files che stai comprimendo;
  • f – il nome del file .tar.gz è quello di seguito indicato.

Dopo l’esecuzione del comando, vedremo apparire nella directory corrente il file nomearchivio.tar.gz.

Un’altra opzione utile durante la creazione di un archivio con tar può essere l’esclusione di alcuni files dall’archivio. Si ottiene con l’opzione “–exclude”, che si può utilizzare così:

tar -czvf nomearchivio.tar.gz  /path/della/directory/da/comprimere –exclude=*.doc

Nell’esempio, escludiamo tutti i files .doc dall’archiviazione e compressione.

Inoltre, se volessimo utilizzare il metodo di compressione bzip2, più efficace in diversi casi, basta sostituire l’opzione “z” con l’opzione “j”. Quindi:

tar -cjvf nomearchivio.tar.bz2  /path/della/directory/da/comprimere –exclude=*.doc

DECOMPRESSIONE E APERTURA DI UN ARCHIVIO

Per estrarre il contenuto da un archivio, basta utilizzare il seguente comando:

tar -xzvf nomearchivio.tar.gz

Come possiamo constatare, tutte le opzioni sono rimaste invariate, tranne l’opzione “c” che è stata sostituita da una “x” (eXtract), che rappresenta il comando di estrazione dell’archivio.

Se desiderassimo estrarre il contenuto dell’archivio in una directory specifica, potremmo usare l’opzione “-C” nel seguente modo:

tar -xzvf nomearchivio.tar.gz -C /directory/specifica

dove “/directory/specifica” rappresenta la nostra directory di destinazione.

Dizionario giuridico TransLegal per Mac OS

Il dizionario giuridico TransLegal è senza dubbio il più completo per gli esperti inglesi non madrelingua. È l’unico dizionario giuridico progettato appositamente per aiutare avvocati e studenti di legge che usano l’inglese al lavoro come seconda lingua.

 

Un avvocato inglese o americano che cerca la parola “sentenza”, potrebbe voler conoscere la differenza tra “sentenza in equità” e “sentenza secondo la legge consuetudinaria” (qualcosa, cioè, di rilevante solo per il diritto anglosassone). Gli avvocati non madrelingua inglese spesso vogliono saperne di più, ad esempio come utilizzare una parola in una frase, come pronunciarla e gli errori tipici da evitare.

Il dizionario contiene:

  • Più di 3000 termini giuridici
  • Più di 5000 definizioni di semplice comprensione
  • Pronuncia audio
  • Frasario
  • Errori comuni
  • Suggerimenti di utilizzo delle parole
  • Differenze evidenziate tra British English e American English
  • Altre varietà di inglese
  • Voci enciclopediche di molti termini
  • Semplice modalità di ricerca
  • Aggiornamenti costanti

Il dizionario giuridico TransLegal è il risultato di centinaia d’ore di costante ricerca portata avanti da un esperto team di avvocati-linguisti.

Ogni parola inserita nel dizionario è stata selezionata attentamente per assicurare che le definizioni rispecchiassero l’uso corrente. La ricerca è stata supportata da un enorme corpora di testi e documenti giuridici presi da una vasta gamma di fonti. Ogni definizione è stata classificata per poter essere compresa da chi possiede un livello europeo in inglese CEFR B1-B2. Dove non è stato possibile evitare un linguaggio più complesso, questo è stato segnalato tra parentesi.

Attualmente disponibile per Mac OS sul Mac App Store. Clicca qui sotto:

Sei uno sviluppatore e desideri promuovere la tua app in queste pagine? CLICCA QUI!

Creare applicazioni per iPhone e iPad con Swift – la guida aggiornata è anche su iBookStore

Buon pomeriggio a tutti!

Scrivo questo breve post per avvisarvi che la nuova versione aggiornata dell’ebook “Creare applicazioni per iPhone e iPad con Swift” è adesso disponibile anche su iBookStore!

Come creare applicazioni iOS con Swift
Cosa aspettate?

Scaricate subito questo aggiornamento importante e imparate a creare nuove app per il sistema operativo iOS!

Creare applicazioni per iPhone e iPad con Swift di Roberto Travagliante

Scarica sul tuo iBooks
Per maggiori informazioni, o per vedere un’anteprima dei contenuti dell’ebook, clicca qui!

iPhone e iPad: Trucchi e Segreti di iOS9 in un ebook

Vuoi conoscere iOS, partendo dalla scoperta di alcuni dei suoi trucchi più belli?

Vuoi avere la padronanza del tuo iPhone o del tuo iPad, fin dagli aspetti più nascosti del suo sistema operativo?

Ecco un nuovo ebook per te:

iPhone e iPad: Trucchi e Segreti di iOS 9

La guida pratica con i migliori suggerimenti per essere subito “operativo” con iOS

iPhone e iPad: Trucchi e Segreti di iOS 9

Foto di Roberto Travagliante

Ulteriori dettagli…

Questa guida è dedicata a tutti i possessori passati, presenti e futuri di un iPhone o di un iPad. Con l’auspicio che possano conoscere gli aspetti e le funzionalità più utili e interessanti dei propri gioiellini tecnologici e del sistema operativo iOS. A breve scoprirai alcuni dei segreti e trucchi più belli di iOS9, fino ad acquisire la giusta padronanza del tuo iPhone o del tuo iPad!” – Roberto Travagliante


(altro…)

Pagina 1 di 41234