Le directory di Linux: la scelta di Ubuntu

Le directory di Linux: la scelta di Ubuntu

Ciao a tutti i lettori di SPACE 4 TUTORIAL!

Con questo nuovo articolo, vogliamo dare una brevissima descrizione delle directory principali di Linux, con particolare riferimento alla distribuzione Ubuntu (anche se essa richiama le indicazioni date dal Linux Standard Base).

Livello: adatto a qualsiasi utente

[tags]space4tutorial, linux, ubuntu, directory, comandi, files, configurazione, cartelle, lsb, ilbloggatore[/tags] [ratings]

Conoscere questa divisione risulta particolarmente utile quando utilizziamo il terminale di Linux e non sappiamo precisamente dove trovare, per esempio, un file di configurazione, o un dispositivo (device), o una libreria, ecc.

Iniziamo subito:

/boot

Questa directory (o cartella, se risulta più familiare) contiene i files necessari all’avvio del kernel di Linux. In particolare, qui dentro è possibile trovare il file relativo al kernel (vmlinuz, generalmente), i files del boot loader GRUB, ecc.

/bin

Contiene i comandi della shell di uso comune, quali ls, grep, cp, mv, ecc. Insomma, tutti quei comandi che possono essere eseguiti dagli utenti comuni, senza particolari privilegi.

/sbin

Qui dentro sono presenti tutti quei programmi che possono essere eseguiti sono dall’utente root e/o con particolari privilegi.

/dev

contiene i files (inode) riguardanti i dispositivi del sistema. I dispositivi, in particolare, si dividono in dispositivi a blocchi e a caratteri. Magari con un articolo successivo vedremo le differenze e come creare tali files. Esempi di device possono essere /dev/sda1 (il primo disco scsi) o o /dev/modem, oppure /dev/usbdev1.1_ep00, ecc.

/etc

contiene i files di configurazione della maggior parte del software presente nel sistema. E una delle directory più importanti che un amministratore di sistema deve conoscere e con la quale ha a che fare.

/lib

Contiene i files delle librerie del software del nostro sistema. Le librerie presenti qui sono utilizzate in modo dinamico dai programmi che vengono via via eseguiti.

/mnt e /media

Contengono i dispositivi montati sul sistema, generalmente memorie di massa. Per esempio, qui troviamo le directory che riguardano il montaggio del cdrom, del floppy, delle memorie USB, ecc.

/root

Questa è la directory home dell’utente root, ovvero l’amministratore del sistema.

/home

e qui dentro sono contenute le home directory riguardanti gli altri utenti del sistema.

/proc

Questa è una directory particolare, che serve a contenere le informazioni sullo stato del sistema. Utile quando qualcosa non funziona e si vuole diagnosticare e capire il problema.

/opt

Qui sono installati i programmi personali. Per altre distribuzioni, questa cartella contiene i grandi progetti software.

/usr

Qui è installata la maggior parte del software di Linux.

/var

Qui sono presenti i files di log del sistema, quelli di spool e tutti gli altri files che consentono all’amministratore di sistema di capire se il sistema sta funzionando correttamente.

Naturalmente, questa è solo una descrizione sommaria di ciò che le cartelle di Linux contengono, ma potrà tornare molto utile, in caso di difficoltà.

Ciao e a presto!

Commenti

  • Teogene | Ago 12,2013

    io ho un computer fisso nel quale ho deciso di installare ubuntu 9.10 formattando completamente tutto il computer, quindi senza nessuna partizione con windows. Ora però ho bisogno di rimettere windows perchè devo utilizzare autocad che non gira su ubuntu. Ho già provato ad installarlo con wine e altri programmi ma non va lo stesso. L’unica scelta è quella di tornare a windows con una partizione. Mi hanno detto però che devo prima ricreare i boot di windows per reinstallarlo. Qualcuno sa come si fa? Ci sono altri metodi per rimettere windows?
    ciao, scusa ma quando scrivo sudo /media/disk1/mnt/root nel terminale mi dice: “nessun file o directory” sai cosa devo fare?

  • blarg blarg | Set 8,2013

    Si tenta di nascondere il vero problema, semplicemente aggirandolo. Non si parla mai di sovrapproduzione o di un sistema capitalista in collasso.

    Nell’unione europea e negli USA i governi sono costretti a richiedere ulteriori finanziamenti bancari per cifre abnormi, per salvaguardare i paesi dal caos.

    In parole povere, i governi sono in crisi per via delle banche e continuano a farsi finanziare dalle banche!

    Impossibile uscirne, specialmente se si tassano sempre più le famiglie.

  • Commenta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.