Come vendere un ebook su Amazon, curando al meglio i metadati

Come vendere un ebook su Amazon, curando al meglio i metadati

Buongiorno a tutti,

come molti di voi sanno, una delle mie passioni è la scrittura, in particolare di guide e manuali a scopo divulgativo. L’esistenza di questo stesso sito web è la testimonianza della mia voglia innata di condividere la mia “sete di conoscenza” con voi, attraverso i contenuti presenti nelle diverse pagine web che lo compongono.

Oggi parliamo di e-books e, più precisamente, di un ebook che mi ha colpito in un primo momento per il suo titolo e successivamente per il suo contenuto. Il testo in questione si intitola “I metadati per i tuoi eBOOK – come hackerare l’algoritmo di Amazon con le giuste parole chiave” ed è stato realizzato da Sonia Lombardo, che ho avuto anche il piacere di conoscere grazie ad uno scambio di email sull’argomento.

Perché mi ha colpito? Lo spiego subito: Su Internet è possibile trovare tantissimo materiale relativo alla vendita di ebook.

Pagine web contenenti titoli altisonanti del tipo “Pubblica i tuoi ebook su Internet e vendi in tutto il mondo!”, “Fai un sacco di soldi con i tuoi ebook”, oppure guide più o meno approfondite e aggiornate sulle nuove modalità di scrittura imposte dall’avvento del Web 2.0, sono molto diffuse per cui alla lunga ci si fa l’abitudine e si tende a non soffermarcisi troppo.

Personalmente, quando leggo titoli del tipo “Pubblica il tuo ebook e fai 50.000 euro al mese, restando comodamente a casa!”, non mi fermo neanche a leggerne l’abstract. Ciò, sia per convinzioni personali (lavorare con Internet non è molto diverso da lavorare in modo tradizionale, ci vuole impegno e dedizione e uno scenario in cui l’autore di un ebook resta adagiato su un divano a guardare la propria dashboard Amazon, iBookStore o Google Play mentre producono vendite è pura fantasia!), sia perché ritengo che si tratti di guide il cui unico scopo è quello di far leva sull’emotività di chi vuole scrivere un libro con l’idea di venderlo e guadagnarci qualcosa.

Invece, questo ebook è diverso! A cominciare dal titolo che ha richiamato subito la mia attenzione per il fatto che si concentrasse su un aspetto di importanza fondamentale per un autore, soprattutto se alle prime armi e/o auto-prodotto, vale a dire la fase di presentazione del proprio ebook ai potenziali acquirenti.

L’argomento principale de “I metadati per i tuoi eBOOK” è, appunto, quello dei c.d. metadati che, come afferma la stessa autrice Sonia Lombardo, “…oltre a essere uno strumento di classificazione, rappresentano un imprescindibile strumento di marketing…”. L’ebook si concentra in modo particolare sull’uso corretto ed efficace dei metadati sul mercato messo a disposizione da Amazon, ma molte delle indicazioni e riflessioni contenute al suo interno sono applicabili ad altri contesti come, ad esempio, alla pubblicazione di ebook su altri market per libri digitali, alla realizzazione di una pagina di presentazione dell’ebook, alla scelta di determinate parole chiave sulla pagina di vendita del proprio ebook (anche per ciò che concerne l’analisi SEO), alla definizione di campagne pubblicitarie su specifici networks, ecc..

Il testo parte da una spiegazione generale delle modalità con cui i potenziali lettori trovano i libri su Internet, nonché degli aspetti che riguardano le pagine di presentazione e i metadati, che portano i lettori a sceglierne certi piuttosto che altri.

A seguire, vengono illustrate alcune delle modalità e dei criteri con cui Amazon compone le classifiche dei propri ebook. E già qui è possibile trovare alcuni utili elementi di riflessione che poi si trasformano in vere e proprie “regole” da seguire se si vuole trarre il massimo dalla propria opera, in termini di popolarità.

Dopo questi primi capitoli, si entra nel vivo dell’argomento “metadati”.

Ma cosa sono i metadati? Ci sarebbe tanto da dire in merito, ma per descriverne al meglio il concetto, basti immaginare il catalogo di una biblioteca tradizionale, contenente informazioni riferite a ciascun libro (come il titolo, l’autore, l’argomento trattato, la categoria, la posizione all’interno di uno scaffale, ecc.). Supponiamo di essere i visitatori della biblioteca e immaginiamo di essere alla ricerca di un libro di ricette che ci insegni a preparare dei dolci.

Grazie al catalogo, che contiene diverse informazioni tra le quali (ad esempio) la categoria, possiamo individuare subito i libri che parlano di argomenti culinari. Tra questi, possiamo poi effettuare una cernita per trovare quelli che parlano di dolci. Sempre grazie al catalogo, possiamo sapere chi sono gli autori dei rispettivi libri e, magari, possiamo decidere di scartare il libro “100 ricette per stupire i vostri amici” scritto dall’autore sconosciuto, per acquistare il libro “Chiunque può cucinare” scritto dell’autore Auguste Gusteau, grande chef e idolo del nostro amico topino Ratatouille.

Ecco, il catalogo grazie al quale possiamo operare le nostre scelte, scegliendo di acquistare un libro piuttosto che un altro, costituisce un contenitore di metadati. Ogni libro è catalogato in base a più metadati. E l’autore in grado di sfruttarli al meglio sarà anche quello in grado di mettere in maggiore evidenza la propria opera e di vendere e di ottenere il massimo dal proprio libro.

Grazie ai metadati è possibile, per colui che visita la biblioteca, scoprire un determinato libro anche se situato nello scaffale più lontano e nascosto.

Ora, immaginiamo che la biblioteca in questione sia il più grande mercato elettronico di libri al mondo, vale a dire Amazon. Appare chiaro che i metadati, in questo caso, possono fare la differenza tra vendere qualche copia (magari ai nostri amici più fedeli), oppure scalare tutte le classifiche, dando vita ad un vero best seller.

Riflettendo su quanto detto, è facile comprendere che i consigli dell’ebook “I metadati per i tuoi eBOOK” assumono un’importanza fondamentale, per chi produce un ebook e desidera distribuirlo su Internet.

In tutto l’ebook si trovano considerazioni e suggerimenti su come utilizzarli per ottenere il massimo da un mercato come quello di Amazon, che permette potenzialmente di raggiungere i lettori di tutto il mondo.

Comunque, non vi dico altro perché non voglio fare “spoiler” del contenuto di un ebook che credo vivamente valga la pena di acquistare (ad un prezzo assolutamente irrisorio)!

Ciò che ho apprezzato in modo particolare di questo testo è il fatto che esso non cerca il “facile consenso” del lettore, ma presenta a quest’ultimo degli importanti elementi che possono guidarlo realmente verso il successo artistico e professionale e (perché no) economico.

Il testo presenta dei contenuti di qualità e la lettura è piacevole e fluida. L’ebook è comprensibile sia per chi è alle prime armi, che per chi ha una certa esperienza con la produzione e la vendita di ebook su Internet.

Interessante è anche il capitolo riservato agli “Altri fattori che influenzano le vendite“, nonché la parte dedicata al SEO (Ottimizzazione per i Motori di Ricerca) per i libri.

Che dire, ne consiglio la lettura a tutti e, in modo particolare, a coloro che intendono presentare la propria opera al mondo, sotto forma di ebook!

I metadati per i tuoi eBOOK

“come hackerare l’algoritmo di Amazon con le giuste parole chiave”

Autore: Sonia Lombardo

Formato: ebook

Editore: Storia Continua

Pagine: 84

Prezzo: € 1,49

Anno di pubblicazione: 2017.

Lingua: Italiano.

Link per il download (Amazon)

Commenti

  • Sonia | Feb 5,2018

    Grazie Roberto. Una presentazione perfetta, d’altronde non avevo dubbi 🙂
    Condivido subito!

  • Roberto | Feb 5,2018

    E’ stato un vero piacere! E suggerisco di pensare già alla prossima opera!

  • annalisa | Feb 8,2018

    ciao roberto scusatemi ma vale anche per ibookstore o solo per amazon?

  • Sonia | Feb 8,2018

    Ciao Annalisa,
    la cura dei metadati porta benefici per la distribuzione in generale. Non so se poi iBookstore ha gli stessi meccanismi di classifiche

  • Maurizio | Feb 14,2018

    Su kdp di amazon tra le linee guida si dice in merito alle parole chiave “Le parole chiave possono essere costituite da parole o frasi. Per ottenere i migliori risultati, usa frasi di 2-3 parole al massimo. Per individuare le parole chiave adatte al tuo libro, prova a immedesimarti in un lettore alla ricerca di un libro. Cosa cercano i tuoi lettori di riferimento?”.
    Perché utilizzare soltanto 2-3 parole chiave e non usare tutte le parole chiave possibili? Non sarebbe più facile far trovare il nostro libro con più parole chiave?

  • Sonia | Feb 15,2018

    In realtà puoi usarne fino a sette, ma possono essere più lunghe di una parola, ovvero una combinazione di 2 o 3 parole.

  • Roberto | Feb 17,2018

    Grazie per la precisazione Sonia, aggiungerei che, generalmente i sistemi di classificazione in base alle parole chiave prevedono meccanismi di penalizzazione che si attivano nel caso in cui si effettui un sovraccarico di parole chiave. Quindi, a prescindere dal numero consentito, l’atteggiamento migliore è dettato dal buon senso: utilizzare un numero di parole chiave equilibrato in relazione allo scopo.

  • Commenta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *







    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.