Tag SISTEMI DIGITALI PER LA VITA QUOTIDIANA

IRRESISTIBILI SCHERMI IRRESISTIBILI SCHERMI (Scienza e filosofia)

Ciao a tutti!

Ecco a voi l'ebook IRRESISTIBILI SCHERMI IRRESISTIBILI SCHERMI (Scienza e filosofia), a condizioni estremamente vantaggiose su Amazon.

IRRESISTIBILI SCHERMI IRRESISTIBILI SCHERMI (Scienza e filosofia)

 

Titolo: IRRESISTIBILI SCHERMI IRRESISTIBILI SCHERMI (Scienza e filosofia)

Autore: Elena Pasquinelli

N. di pagine: 205

Edizione: MONDADORI EDUCATION (5 novembre 2012)

Lingua: Italiano

Prezzo: EUR 17,99

Scarica da Amazon

Disponibile su Amazon

 

Descrizione:

Il testo Esistono molti tipi diversi di "schermi".

Tra i più recenti all'onore delle cronache, i videogiochi sono un caso esemplare di una pratica che suscita contemporaneamente reazioni di panico e di entusiasmo.

I videogiochi sono accusati di provocare dipendenza, di eccitare l'aggressività e si è arrivati fino a ritenerli responsabili della strage di Columbine.

E poi si ritiene che i videogiochi, rispetto ai libri, siano stupidi, e rendano stupidi.

Ma allo stesso tempo, e su di un tono diametralmente opposto, i videogiochi sono anche al centro di enormi speranze nel mondo dell'educazione: i "serious games" cambieranno il nostro modo di imparare e di insegnare, il "brain training" ci permetterà di tenere il cervello in forma e di imparare meglio per tutta la durata della vita.

Cosa c'è di vero in queste opposte, ed estreme, posizioni? Quali strumenti ci permettono di dare un giudizio informato e obiettivo sulle potenzialità, vuoi negative, vuoi positive, dei videogiochi, e degli altri schermi? Gli studi più recenti ci permettono di trarre alcune conclusioni relativamente ad aspetti come la dipendenza, la violenza, l'apprendimento, ma anche di cercare di comprendere alcuni dei meccanismi in gioco, come quelli legati al piacere e alla ricompensa, alla percezione, attenzione, memoria, alla capacità a distinguere tra finzione e realtà.

E più in generale, di capire quali aspetti del funzionamento normale del cervello entrano in gioco e eventualmente in conflitto con certi tipi di pratiche degli schermi.

Resta un'ultima considerazione da fare sull'opposizione che spesso viene fatta tra videogioco (cattivo) e libro (buono).

Esistono videogiochi complessi, stimolanti e "intelligenti", tanto quanto esistono libri insulsi.

La vera distinzione non è quella che attraversa i media e separa libri e schermi.

Ma quella che attraversa contenuti poveri, sciatti, troppo semplici e contenuti capaci di costituire delle sfide per la nostra intelligenza, del pane per i nostri pensieri, degli utensili per capire meglio il mondo e vivere meglio con gli altri.

 

Scarica da Amazon

Disponibile su Amazon

Tag, , , , , , , , ,