Category internet

Ecco a voi il mio nuovo sito Web!

Ciao a tutti!

Sono lieto di darvi il benvenuto sul nuovo sito Travagliante.com!

Ebbene si, era da tanto che volevo farlo e finalmente sono riuscito a trovare un po’ di tempo anche per lui, il mio sito web.

Potrei definire questo spazio in tanti modi… È certamente un luogo dove inserisco articoli, dove scrivere i miei appunti di informatica, le mie opinioni in merito ad argomenti tecnologici, ecc.

Ma non solo! Dopo oltre 11 anni di blogging, potrei dire che questo sito web, che eredita anche il ruolo del primo blog Space4Tutorial, è diventato ormai un compagno inseparabile della mia “vita digitale”.

Nel corso del tempo, ha cambiato aspetto tante volte, per rispecchiare man mano ciò che facevo. Per questo motivo, dopo diversi mesi, ho deciso di rinnovarlo.

I contenuti presenti sul precedente sito sono comunque disponibili, ma ne è stata migliorata la fruibilità. Altre cose, non più attuali, sono state messe da parte.

L’idea alla base è rendere questo spazio sempre più utile e adeguato a chi, come me, è attratto dalle tematiche inerenti la tecnologia.

In quest’ottica, vi annuncio anche il nuovo canale TravaMix su Youtube (a proposito, fateci un salto, cliccate qui), dove conto di inserire in primis tante video guide e tutorials, poi recensioni, video inerenti le mie esperienze personali, viaggi, giochi e passioni, insomma, un Mix di me (Ecco perché TravaMix, per rispondere a chi me lo aveva chiesto).

Quindi, benvenuti ancora su Travagliante.com! Date un “Mi piace” anche alla pagina facebook, disponibile a questo link!

 

Tag, , , , ,

Kaspersky Total Security 2018: la suite di eccellenza per la sicurezza multi-piattaforma

Ciao a tutti!

Oggi parliamo di un prodotto per la sicurezza che, nel corso degli anni, si è affermato come un prodotto di eccellenza in tutto il mondo: Kaspersky Total Security.

Kaspersky è una nota società russa che si occupa di sicurezza del software fin dal 1997, quando fu fondata da Eugene Kaspersky. Oggi è uno dei migliori antivirus! Nel corso degli anni, Kaspersky ha costruito una reputazione molto buona ed è proprio questa reputazione che metteremo alla prova oggi, dando un’occhiata alla ultima e ricchissima suite anti-malware: Kaspersky Total Security.

Questa suite software offre innumerevoli caratteristiche interessanti, ma in questo articolo ci concentreremo sulle funzionalità di base: protezione dai malware e scansione dei virus.

Kaspersky Total Security

Compatibilità

Dal punto di vista della compatibilità, Kaspersky Total Security è una suite software che include:

  • Kaspersky Total Security per Windows;
  • Kaspersky Internet Security per Mac e Android;
  • Kaspersky Password Manager per Windows, Mac, iOS e Android;
  • Kaspersky Safe Kids per Windows, Mac, iOS e Android;
  • Kaspersky Safe Browser per iOS e Windows Phone.

La funzionalità differiscono su ogni piattaforma, motivo per cui in questo articolo ci limiteremo a testare la suite software di Windows.

Installazione

L’ installazione della suite è un processo molto semplice e si compone di 2 fasi: installazione a attivazione del prodotto. Dopo aver fatto doppio clic sull’eseguibile .exe, l’intero programma si installa molto facilmente. A questo punto, il prodotto deve essere attivato, così da essere pronto all’uso. L’installazione comprende anche tutti i plugin del browser e gli altri strumenti esterni, che si installano automaticamente.

Protezione Attiva contro i Malware

Il software di Kaspersky fornisce protezione sia contro le minacce già esistenti sul computer, sia contro chi cerca di invadere il sistema dall’esterno. Oltre ad un servizio di prevenzione automatica degli exploit, che controlla tutte le possibili lacune di sicurezza presenti nel sistema in tempo reale, il software fornisce una solida protezione contro i potenziali attacchi basati sul Web.

Il plugin migliorato offerto per il browser del consulente URL classifica gli URL e avverte l’utente quando un link è sospetto. Anche se poi l’utente decide di cliccare sul link, il software anti-malware cattura qualsiasi malware sulla pagina web e si assicura di bloccarlo o di metterlo in quarantena prima che riesca a causare danni.

Oltre alla protezione della navigazione web, è presente un firewall bidirezionale molto solido, che previene le richieste di rete non autorizzate.

Tutte le analisi per la protezione vengono eseguite senza compromettere la velocità del PC. In effetti, provando il software per diverso tempo su alcuni sistemi di test, non si riscontra alcun rallentamento rilevante.

Protezione passiva contro i malware

Anche se un malware supera i sistemi di verifica attiva, la scansione anti-malware a livello di sistema è in grado di offrire un ulteriore difesa. Una scansione veloce e affidabile filtra tutti i rootkit, virus, PUP e le ulteriori minacce che si possono incontrare navigando nel web, assicurando che il sistema rimanga sicuro 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Oltre ai normali metodi di scansione, il software consente di eseguire una scansione delle vulnerabilità, che consente di ricercare difetti e buchi di sicurezza presenti nel sistema, consigliando, in caso positivo, l’installazione di determinate patch prima che i bugs vengano sfruttati da un attacker.

Durante le prove, comunque, si è cercato di testare questa capacità di scansione scaricando diverse versioni del virus di test EICAR, ma appena scaricato dal sito il Kaspersky Total Security Active Shields lo ha rilevato e bloccato, prima che il virus di test fosse in grado di raggiungere il disco rigido.

Funzionalità Aggiuntive

Oltre alle sue funzioni principali, questa suite software ne contiene molte altre come, per esempio:

  • un programma di aggiornamento software;
  • un programma per la pulizia del sistema;
  • un programma di pulizia del software;
  • un distruggi File;
  • una Sandbox per la navigazione;
  • una protezione della Webcam;
  • la gestione della connessione sicura;
  • la memorizzazione delle password;
  • i controlli parentali (“Kaspersky Safe Kids”);
  • la protezione da Ransomware;
  • la crittografia dei file.

L’utente può decidere quali di queste funzioni ritenere più o meno utili, ma va detto che questa suite anti-malware è davvero in grado di coprire qualsiasi esigenza.

Verdetto

Nella cybersecurity, l’elemento chiave è il buon senso, che si traduce in regole del tipo: “stare lontano da sorgenti non sicure”, “non collegare alcun dispositivo non attendibile al pc”, ecc.

Comunque, anche l’acrobata circense più allenato, magari mentre cammina su una fune, è molto più al sicuro sapendo che sotto c’è una rete di protezione, per quanto possano essere minime le sue possibilità di caduta.

Kaspersky Total Security fa proprio questo, offre una rete di protezione per l’utente, anche se scaltro ed esperto.

Certamente non è infallibile, del resto la sicurezza assoluta è un’utopia. Ma combinato con una certa cautela, assicura un un buon margine di sicurezza contro i cyber-criminali in circolazione su Internet.

Tag, , , , , ,

Installare e configurare un server RADIUS su Ubuntu in 10 minuti

Ciao a tutti!

Come molti di voi sanno, il sito web https://www.travagliante.com non è soltanto il mio blog personale, ma anche un angolo che utilizzo per prendere appunti, uno strumento che mi permette di riportare le mie esperienze personali e che mi permette di “prendere nota” di attività che possono essere più o meno complesse e che possono portare ad una efficace configurazione di PC, di server o di dispositivi mobili.

Questa volta, voglio riportare in queste pagine alcuni brevi passaggi da seguire per installare e configurare un server con Ubuntu Linux in grado di svolgere le funzioni di un server RADIUS.

A cosa può servire un server RADIUS? Un server RADIUS si occupa di gestire l’autenticazione, a livello remoto, di utenti che devono accedere e utilizzare determinate risorse di una rete informatica. In passato, un server RADIUS veniva utilizzato soprattutto per autenticare gli utenti che si collegavano alle reti aziendali mediante una connessione in dial-up (con un modem). Attualmente, invece, un server RADIUS può essere utile per gestire le autenticazioni ad una rete (ad esempio, una rete wi-fi, un determinato servizio di networking, ecc.) e per stabilire gli opportuni privilegi, in base ad un nome utente e ad una password.

La funzione di server RADIUS può essere svolta da un dispositivo di rete specifico (ad esempio, un appliance firewall), oppure da un server Linux.

Dopo questa premessa, vediamo i passaggi da completare per installare e configurare un server RADIUS utilizzando Linux Ubuntu. La versione di Ubuntu da me utilizzata è la 16.04, ma certamente qualsiasi versione recente va bene.

Aggiornamento del 12 novembre 2018

Per chi ama i video, vi avviso che ne ho appena pubblicato uno su Youtube, che mostra i passaggi illustrati in questo post:

Iscriviti al canale Youtube TravaMix Dai un mi piace alla pagina Facebook

Iniziamo:

1. Installare i packages necessari per il server RADIUS. Con Ubuntu, utilizziamo il software FreeRADIUS

apt-get install freeradius
apt-get install freeradius-ldap

2. configurare le informazioni inerenti il dispositivo che dovrà interrogare il server radius, per verificare l’autenticazione

Infatti, il server RADIUS accetterà le richieste di autenticazione esclusivamente da tale dispositivo (es.: un access point nel caso di una rete wireless, o un altro apparato di rete, ecc.). Per configurare le informazioni sul dispositivo, dobbiamo modificare il file /etc/freeradius/clients.conf

vi /etc/freeradius/clients.conf

In coda al file, inseriamo le seguenti righe, avendo cura di sostituire <IP del dispositivo> con l’indirizzo del dispositivo che si occuperà di accedere al server RADIUS, <password segreta> con una password da utilizzare per l’accesso alle informazioni RADIUS e <denominazione apparato> con un nome che ci permetta di identificare al meglio il dispositivo:

client <IP del dispositivo> {
secret = <password segreta>
shortname = <denominazione apparato>
nastype = other
}

ad esempio, nel caso in cui abbiamo un access point wireless con IP 192.168.0.1 che deve fare l’autenticazione al server RADIUS, utilizzando la password miapassword (che inseriremo successivamente nella pagina web di amministrazione dell’access point stesso), avremo qualcosa di molto simile a:

client 192.168.0.1 {
secret = miapassword
shortname = accesspoint1
nastype = other
}

3. aggiungere al server gli utenti che effettueranno l’autenticazione RADIUS

adduser utente1

adduser utente2

4. aggiungere gli stessi utenti alla configurazione RADIUS

vi /etc/freeradius/users

Precisamente, aggiungere al file users, in coda (avendo cura di sostituire <password utente 1> e<password utente 2> con le rispettive password degli utenti 1 e 2:

utente1 Cleartext-Password := <password utente 1>

utente2 Cleartext-Password := <password utente 2>

5. riavviare il servizio FreeRADIUS:

service freeradius restart

A questo punto, il server RADIUS è funzionante e accetta richieste di autenticazione dal dispositivo configurato all’inizio. Per leggere il log del servizio, utilizziamo il file /var/log/freeradius/radius.log:

cat /var/log/freeradius/radius.log

Invece, per effettuare un test, possiamo utilizzare l’apposita utility radtest, nella forma radtest utente1 <password utente 1> localhost 0 <password segreta> -x:

radtest utente1 password_utente_1 localhost 0 password_dispositivo -x

Per far partire il servizio RADIUS in modalità debug (per avere maggiori informazioni nel file radius.log):

freeradius -X

Fatto! Penso di aver scritto tutto. Per qualsiasi eventuale dubbio, non esitate a contattarmi.

Ciao a tutti! Al prossimo articolo!

Tag, , , , , , , , , , , , , ,

Disattivare i servizi telefonici SMS a pagamento MobilePay

Grazie a un amico, ieri sera ho avuto modo di constatare quanto sia facile per chiunque cadere in quella che definirei senza mezzi termini “trappola telefonica” dei servizi di informazione a pagamento.

Premetto che sto sempre molto attento durante la navigazione Internet e che seguo tutte le solite raccomandazioni relative all’apertura di pagine web e links (es.: controllo con attenzione I domini dei links presenti nelle email, evito come la peste i siti e i servizi che chiedono di inserire il mio indirizzo email o, peggio, il mio numero di cellulare, di rispondere a SMS, ecc.).

Tag, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , Maggiori informazioni

Rendere veloce un sito web: quanto è importante?

Buonasera a tutti i lettori!

Oggi ho ricevuto una interessante email ad opera di un utente del sito, che mi avvisava dell’esistenza di un’interessante infografica inerente la velocità dei siti web e il suo impatto dal punto di vista dei visitatori.

La velocità dei siti web

Mosso dalla curiosità, ho dato un’occhiata all’opera in questione, realizzata per AziendeItalia S.r.l. (https://www.aziendeitalia.com/) e devo dire che è davvero bel fatta.

In particolare, il tema della velocità dei siti web è molto attuale, soprattutto tenuto conto delle più recenti modifiche attuate da Google in merito alla penalizzazione dei siti lenti e, soprattutto per chi come me è sempre affascinato da soluzioni software come WordPress (il mio ebookWordPress dalla A alla W” è solo una delle tante conseguenze di questa passione per la gestione di blog e siti web), un lavoro editoriale del genere non può che suscitare il mio interesse.

Per questo motivo, su suggerimento di Carlo Pandian di Tsw, la propongo anche a tutti voi, ritenendo che possa essere utile a chiunque sia impegnato costantemente nella gestione di un sito web, personale o aziendale che sia, per migliorarlo.

La velocità di un sito web è piuttosto importante, da essa a volte dipende il successo o l’insuccesso del sito stesso e questa infografica dà gli “input” giusti per lavorare seriamente anche sulle performance, oltre che sui contenuti.

Fatemi sapere cosa ne pensate, via email o tramite il form di contatto. A presto!

Tag, , , , , ,

Le suonerie più famose dei cellulari, suonate al pianoforte. Da vedere!

Ciao a tutti,

Dieci minuti fa sono incappato in questo stupendo video di YouTube e non posso fare a meno di condividerlo con tutti coloro che amano al tempo stesso la tecnologia e la musica!

Un tale Tony Ann, propone al pianoforte un arrangiamento musicale originale delle più famose suonerie di telefoni cellulari Apple iPhone, Nokia, Samsung, Verizon, ecc.

Da ascoltare assolutamente!

Che ne pensate? Io sono rimasto piacevolmente colpito.

Tag, , , , , , , , , , ,

Plugin da wordpress per gestire i siti dallo smartphone

wordpress1

La diffusione capillare dei moderni dispositivi elettronici ha allargato a dismisura il settore di mercato in cui operano le aziende produttrici, che devono far fronte ad un numero di utenti in costante crescita. Grazie alle grandi offerte di smartphone e tablet, assieme al pubblico crescono anche i bisogni e le esigenze a cui si deve far fronte, dal momento che al giorno d’oggi ci si può connettere con la rete da qualsiasi posto.

Tag, , , , , , , , Maggiori informazioni

Real Drums Super Stars – tuo iPhone e il tuo iPad diventano una batteria musicale professionale! (applicazione Universale iOS)

Vuoi trasformare il tuo iPhone, il tuo iPod Touch o il tuo iPad / iPad Mini in una batteria professionale?
Vuoi sorprendere i tuoi amici e divertirti con loro, suonando delle batterie musicali e altre percussioni (come i bongo)?

“REAL DRUMS Super Stars” E’ L’APPLICAZIONE DEFINITIVA PER TE !!!

appstore

Tag, , , , , , , , , , , , , , , , , Maggiori informazioni

L’ebook sul self publishing approda anche su Amazon Kindle!!!

L’ebook “Self Publishing – Crea, Promuovi e Vendi il tuo ebook su 102 siti web!” era già approdato sull’iBookStore di Apple! Adesso è disponibile anche sullo store di Amazon!

Quindi, da questo momento è possibile scaricarlo direttamente e visualizzarlo con i dispositivi Kindle!

Ricordiamo che questo comodo ebook è disponibile in formato PDF, EPUB e MOBI e che è consigliato a qualsiasi autore che desideri promuovere il proprio libro nel modo più efficace e senza dipendere da un editore!

Per maggiori informazioni, visita questo link: https://www.travagliante.com . BUONA LETTURA!!!

 

Ecco una screenshot del sito Amazon:

Tag, , , , , , ,

L’ebook sul “Self Publishing” è approdato sull’Apple iBookStore!

L’ebook “Self Publishing – Crea, Promuovi e Vendi il tuo ebook su 102 siti web!” è approdato sull’iBookStore di Apple!

Quindi, da questo momento è possibile scaricarlo direttamente con l’applicazione iBooks, direttamente da iPhone, iPod Touch e iPad!

Ricordiamo che questo comodo ebook è disponibile in formato PDF, EPUB e MOBI e che è consigliato a qualsiasi autore che desideri promuovere il proprio libro nel modo più efficace e senza dipendere da un editore!

Per maggiori informazioni, visita questo link: https://www.travagliante.com . BUONA LETTURA!!!

 

Tag, , , , , , , , , , ,