Category Varie

Come salvare i dati di Google Plus prima che venga chiuso

Ciao a tutti,

è di pochi giorni fa la notizia, riportata dal The Wall Street Journal e rimbalzata sulle testate giornalistiche e su siti e blog di tutto il mondo, di una vulnerabilità presente in Google Plus, che pare abbia per molto tempo esposto centinaia di migliaia di utenti al furto dei propri dati da parte di malintenzionati.

Come conseguenza di tale problema, già noto da alcuni mesi, Google ha assunto un’importante decisione: chiudere Google+.

Questa decisione, come era prevedibile, ha fatto un certo scalpore. E ha generato preoccupazione tra gli utenti, che adesso rischiano di vedere i propri dati, caricati nel corso degli anni su questo social network, svanire nel nulla.

Quindi, come fare per salvare questi dati? Ebbene, vi farà piacere sapere che c’è un modo per salvare i vostri dati di Google Plus!

E nel video che segue vediamo i passi da compiere per non perderli (PS: vi ricordo di iscrivervi gratuitamente al canale TravaMix su Youtube per essere i primi a conoscere i nuovi video pubblicati).

Iscriviti al canale Youtube TravaMix  Dai un mi piace alla pagina Facebook

Fatemi conoscere le vostre impressioni e considerazioni!

Tag, , , , , , , ,

Bash in pillole: Usare TAR per creare e accedere agli archivi .tar.gz e .tar.bz2

Eccoci qui con un nuovo post sull’utilizzo del terminale di Linux (utile anche per chi utilizza Mac OS o qualsiasi altro sistema operativo Unix-based). In questo articolo vedremo come utilizzare il comando “tar” per accedere al contenuto di archivi .tar o .tar.gz (i cosiddetti “tarballs“).

Il comando tar ha un grande numero di opzioni, ma molte di esse sono utili per un impiego avanzato, mentre per un utilizzo comune basta conoscere davvero pochissime lettere.

Su gran parte delle distribuzioni Linux e su Mac OS è presente la versione GNU di tar, che contiene anche le funzionalità di compressione. In pratica, tar può creare archivi compressi con gli algoritmi gzip e bzip2, permettendo di generare con un solo comando files .tar.gz o tar.bz2.

CREAZIONE DI UN ARCHIVIO

Detto questo, vediamo subito come creare un archivio tarball da una specifica directory. Una delle comodità di creare un archivio in questo modo è il fatto che i permessi dei files non vengono modificati, come invece avviene quando copiamo normalmente la directory da un path ad un altro.

Apriamo il nostro terminale e digitiamo:

tar -czvf nomearchivio.tar.gz  /path/della/directory/da/comprimere

dove “nomearchivio” rappresenta il nome che vogliamo dare al file .tar.gz e “/path/della/directory/da/comprimere” il percorso della directory che vogliamo comprimere.

Le opzioni utilizzate per la creazione dell’archivio sono:

  • c – crea un archivio;
  • z – l’archivio deve essere compresso con l’algoritmo gzip;
  • v – usa la modalità “verbose”, cioè descrittiva. In pratica, mostrami i files che stai comprimendo;
  • f – il nome del file .tar.gz è quello di seguito indicato.

Dopo l’esecuzione del comando, vedremo apparire nella directory corrente il file nomearchivio.tar.gz.

Un’altra opzione utile durante la creazione di un archivio con tar può essere l’esclusione di alcuni files dall’archivio. Si ottiene con l’opzione “–exclude”, che si può utilizzare così:

tar -czvf nomearchivio.tar.gz  /path/della/directory/da/comprimere –exclude=*.doc

Nell’esempio, escludiamo tutti i files .doc dall’archiviazione e compressione.

Inoltre, se volessimo utilizzare il metodo di compressione bzip2, più efficace in diversi casi, basta sostituire l’opzione “z” con l’opzione “j”. Quindi:

tar -cjvf nomearchivio.tar.bz2  /path/della/directory/da/comprimere –exclude=*.doc

DECOMPRESSIONE E APERTURA DI UN ARCHIVIO

Per estrarre il contenuto da un archivio, basta utilizzare il seguente comando:

tar -xzvf nomearchivio.tar.gz

Come possiamo constatare, tutte le opzioni sono rimaste invariate, tranne l’opzione “c” che è stata sostituita da una “x” (eXtract), che rappresenta il comando di estrazione dell’archivio.

Se desiderassimo estrarre il contenuto dell’archivio in una directory specifica, potremmo usare l’opzione “-C” nel seguente modo:

tar -xzvf nomearchivio.tar.gz -C /directory/specifica

dove “/directory/specifica” rappresenta la nostra directory di destinazione.

Tag, , , , , , , , , ,

Installare e configurare un server RADIUS su Ubuntu in 10 minuti

Ciao a tutti!

Come molti di voi sanno, il sito web https://www.travagliante.com non è soltanto il mio blog personale, ma anche un angolo che utilizzo per prendere appunti, uno strumento che mi permette di riportare le mie esperienze personali e che mi permette di “prendere nota” di attività che possono essere più o meno complesse e che possono portare ad una efficace configurazione di PC, di server o di dispositivi mobili.

Questa volta, voglio riportare in queste pagine alcuni brevi passaggi da seguire per installare e configurare un server con Ubuntu Linux in grado di svolgere le funzioni di un server RADIUS.

A cosa può servire un server RADIUS? Un server RADIUS si occupa di gestire l’autenticazione, a livello remoto, di utenti che devono accedere e utilizzare determinate risorse di una rete informatica. In passato, un server RADIUS veniva utilizzato soprattutto per autenticare gli utenti che si collegavano alle reti aziendali mediante una connessione in dial-up (con un modem). Attualmente, invece, un server RADIUS può essere utile per gestire le autenticazioni ad una rete (ad esempio, una rete wi-fi, un determinato servizio di networking, ecc.) e per stabilire gli opportuni privilegi, in base ad un nome utente e ad una password.

La funzione di server RADIUS può essere svolta da un dispositivo di rete specifico (ad esempio, un appliance firewall), oppure da un server Linux.

Dopo questa premessa, vediamo i passaggi da completare per installare e configurare un server RADIUS utilizzando Linux Ubuntu. La versione di Ubuntu da me utilizzata è la 16.04, ma certamente qualsiasi versione recente va bene.

Aggiornamento del 12 novembre 2018

Per chi ama i video, vi avviso che ne ho appena pubblicato uno su Youtube, che mostra i passaggi illustrati in questo post:

Iscriviti al canale Youtube TravaMix Dai un mi piace alla pagina Facebook

Iniziamo:

1. Installare i packages necessari per il server RADIUS. Con Ubuntu, utilizziamo il software FreeRADIUS

apt-get install freeradius
apt-get install freeradius-ldap

2. configurare le informazioni inerenti il dispositivo che dovrà interrogare il server radius, per verificare l’autenticazione

Infatti, il server RADIUS accetterà le richieste di autenticazione esclusivamente da tale dispositivo (es.: un access point nel caso di una rete wireless, o un altro apparato di rete, ecc.). Per configurare le informazioni sul dispositivo, dobbiamo modificare il file /etc/freeradius/clients.conf

vi /etc/freeradius/clients.conf

In coda al file, inseriamo le seguenti righe, avendo cura di sostituire <IP del dispositivo> con l’indirizzo del dispositivo che si occuperà di accedere al server RADIUS, <password segreta> con una password da utilizzare per l’accesso alle informazioni RADIUS e <denominazione apparato> con un nome che ci permetta di identificare al meglio il dispositivo:

client <IP del dispositivo> {
secret = <password segreta>
shortname = <denominazione apparato>
nastype = other
}

ad esempio, nel caso in cui abbiamo un access point wireless con IP 192.168.0.1 che deve fare l’autenticazione al server RADIUS, utilizzando la password miapassword (che inseriremo successivamente nella pagina web di amministrazione dell’access point stesso), avremo qualcosa di molto simile a:

client 192.168.0.1 {
secret = miapassword
shortname = accesspoint1
nastype = other
}

3. aggiungere al server gli utenti che effettueranno l’autenticazione RADIUS

adduser utente1

adduser utente2

4. aggiungere gli stessi utenti alla configurazione RADIUS

vi /etc/freeradius/users

Precisamente, aggiungere al file users, in coda (avendo cura di sostituire <password utente 1> e<password utente 2> con le rispettive password degli utenti 1 e 2:

utente1 Cleartext-Password := <password utente 1>

utente2 Cleartext-Password := <password utente 2>

5. riavviare il servizio FreeRADIUS:

service freeradius restart

A questo punto, il server RADIUS è funzionante e accetta richieste di autenticazione dal dispositivo configurato all’inizio. Per leggere il log del servizio, utilizziamo il file /var/log/freeradius/radius.log:

cat /var/log/freeradius/radius.log

Invece, per effettuare un test, possiamo utilizzare l’apposita utility radtest, nella forma radtest utente1 <password utente 1> localhost 0 <password segreta> -x:

radtest utente1 password_utente_1 localhost 0 password_dispositivo -x

Per far partire il servizio RADIUS in modalità debug (per avere maggiori informazioni nel file radius.log):

freeradius -X

Fatto! Penso di aver scritto tutto. Per qualsiasi eventuale dubbio, non esitate a contattarmi.

Ciao a tutti! Al prossimo articolo!

Tag, , , , , , , , , , , , , ,

Il re è morto… Viva il re! Benvenuto 2017!

Lascio questo post sul blog per augurare a tutti un buon anno 2017, nella speranza che questo nuovo anno porti tanta gioia, salute, serenità e felicità a tutti voi!

TANTI AUGURI! BUON 2017!

Tag, , ,

Disattivare i servizi telefonici SMS a pagamento MobilePay

Grazie a un amico, ieri sera ho avuto modo di constatare quanto sia facile per chiunque cadere in quella che definirei senza mezzi termini “trappola telefonica” dei servizi di informazione a pagamento.

Premetto che sto sempre molto attento durante la navigazione Internet e che seguo tutte le solite raccomandazioni relative all’apertura di pagine web e links (es.: controllo con attenzione I domini dei links presenti nelle email, evito come la peste i siti e i servizi che chiedono di inserire il mio indirizzo email o, peggio, il mio numero di cellulare, di rispondere a SMS, ecc.).

Tag, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , Maggiori informazioni

Buon Natale!

Buon Natale

Cari lettori del sito Travagliante.com! E cari amici e sostenitori delle mie iniziative informatiche e non! Vorrei porgere personalmente ad ognuno di voi i miei più cari auguri di un sereno Natale, ma tra telefono, email, whatsapp, facebook, twitter, ecc., sarebbe estremamente difficile non saltare qualcuno. Perciò, unitamente agli auguri fatti in modo tradizionale, affido a questa pagina i miei ringraziamenti per il vostro continuo sostegno, i vostri costanti suggerimenti e la vostra assidua partecipazione.
E vi porgo l’augurio di un felice Natale 2016, approfittando di un’immagine (di tuttodisegni.com) che trovo molto semplice, ma carina, con gli auguri in tutte (o quasi) le lingue del mondo!

Tanti Auguri!

Tag, , , , ,

Le suonerie più famose dei cellulari, suonate al pianoforte. Da vedere!

Ciao a tutti,

Dieci minuti fa sono incappato in questo stupendo video di YouTube e non posso fare a meno di condividerlo con tutti coloro che amano al tempo stesso la tecnologia e la musica!

Un tale Tony Ann, propone al pianoforte un arrangiamento musicale originale delle più famose suonerie di telefoni cellulari Apple iPhone, Nokia, Samsung, Verizon, ecc.

Da ascoltare assolutamente!

Che ne pensate? Io sono rimasto piacevolmente colpito.

Tag, , , , , , , , , , ,

Real Drums Super Stars – tuo iPhone e il tuo iPad diventano una batteria musicale professionale! (applicazione Universale iOS)

Vuoi trasformare il tuo iPhone, il tuo iPod Touch o il tuo iPad / iPad Mini in una batteria professionale?
Vuoi sorprendere i tuoi amici e divertirti con loro, suonando delle batterie musicali e altre percussioni (come i bongo)?

“REAL DRUMS Super Stars” E’ L’APPLICAZIONE DEFINITIVA PER TE !!!

appstore

 

mzl.qrhqcbpm.320x480-75

Real Drums trasforma il tuo iPhone / iPod Touch in una batteria musicale e ti permette di suonare sul tuo iDevice come un vero batterista!
E ADESSO REAL DRUMS E’ UN’APP UNIVERSALE!!! Quindi puoi utilizzarla sia suo tuo iPhone che sul tuo iPad!

***** Prezzo speciale, durata limitata *****

Real Drums Super Stars ti permette di suonare:
– diversi tipi di batterie musicali (molti altri sono in arrivo!)
– dei fantastici bongo
– una speciale BATTERIA DA CUCINA (costruita con gli strumenti di una vera cucina! Provala e divertiti!)

Con Real Drums Super Stars, puoi scegliere tra:
– 4 tipi di soundsets preimpostati
– un altro soundset completamente personalizzabile, con cui puoi configurare ogni singolo componente della tua batteria musicale!!!

appstore
La tua batteria personalizzata puo essere completamente configurata con: mzl.ewxnkwsi.320x480-75
– 13 rullanti
– 13 charleston
– 24 piatti (crashes & rides)
– 11 hi toms
– 11 middle toms
– 11 low toms
– 12 kick pedals
Come puoi vedere, puoi scegliere singolarmente tutti i suoni per un totale di oltre 1.500.000.000 possibilità!!!

Pop, Rock, Jazz, Crunk, Jungle, Swing, e così via…. Per ogni componente, puoi scegliere i suoni che preferisci, senza limiti!

I suoni sono presi dagli strumenti originali per il massimo del realismo! Puoi impostare batteria e sound sets sia dall’interno dell’applicazione che dalle impostazioni iOS!

E NUOVI SUONI SONO SEMPRE IN ARRIVO!

Che cosa stai aspettando? SCARICA REAL DRUMS SUPER STARS E DIVERTITI, ORA!

appstore
Le migliori performance, per la migliore esperienza musicale!

Real Drums Super Stars è adesso un’app universale!

Nota: questo è il metodo migliore per usare Real Drums Super Stars:
1) Avvia Real Drums Super Stars sul tuo iPhone, iPod Touch, iPad, o iPad Mini;
2) Scegli la tua canzone preferita, tramite l’apposito pulsante e avvia la riproduzione;
3) Conferma le impostazioni;
4) Divertiti, suonando insieme ai i tuoi artisti preferiti!!!

Real Drums Super Stars è disponibile in diverse lingue! E molte altre saranno disponibili nelle prossime release.

Bene, cosa aspetti? Inizia a suonare, ora! E diventa un vero batterista!

***** Prezzo speciale, durata limitata *****
***** Compatibile con il nuovo iOS 6 e progettato anche per iPhone 5 *****

appstore

Ecco di seguito alcune screenshots (iPhone & iPad):

mzl.qrhqcbpm.320x480-75 mzl.ewxnkwsi.320x480-75 mzl.orwhsezk.320x480-75 mzl.mdxoqrjh.320x480-75 mzl.thwxcuzd.320x480-75

 

Ecco altre screenshots relative all’iPad (e iPad mini):

mzl.scymqjdr.480x480-75 mzl.okxhrypx.480x480-75 mzl.ortckidg.480x480-75 mzl.gjaoancj.480x480-75 mzl.dxsszpbv.480x480-75

Che cosa aspetti? Scarica subito REAL DRUMS Super Stars!!!

appstore

Tag, , , , , , , , , , , , , , , , ,

Sei un autore e cerchi una guida sul SELF PUBLISHING, per Promuovere e Vendere il tuo libro? Ecco un ebook per te!

SELF PUBLISHING

Crea, Promuovi e Vendi il tuo e-book su 102 siti web!

Foto di Roberto Travagliante

Quello che hai tra le mani non è il solito libro sul self publishing e sul business online, con tante parole e pochi contenuti. A breve scoprirai com’è veramente possibile promuovere e vendere il tuo libro e/o il tuo ebook facendolo conoscere al maggior numero possibile di persone, contando semplicemente su te stesso e sulle tue forze. Vedrai com’è possibile far conoscere davvero la tua opera, senza dipendere da un editore e da nessun altro. In pratica, vedrai come sfruttare il self publishing e l’auto promozione per diventare un autore di successo!” – Roberto Travagliante

 

Self Publishing - Crea, Promuovi e Vendi il tuo e-book su 102 siti web!

 


 

Hai appena creato un libro e/o un e-book e adesso vuoi farlo conoscere al mondo intero?

Vuoi promuovere autonomamente la tua opera, diventando “imprenditore di te stesso”?

Vuoi pubblicare il tuo libro senza cedere i tuoi diritti ad un editore?

Hai faticato tanto per realizzare il tuo libro e adesso vuoi distribuirne il maggior numero di copie possibile, guadagnando e ripagandoti dello sforzo e, al tempo stesso, ottenendo il successo che meriti?

Insomma, vuoi essere un SELF PUBLISHER ?????

Se hai risposto “SI” ad almeno una di queste domande, questo libro è ciò che fa per te!

 

SCARICA L’ANTEPRIMA GRATUITA!

CLICCA QUI!

Mi chiamo Roberto Travagliante e sono il fondatore de “Il Bloggatore”, uno dei portali di informatica più importanti nel panorama italiano riguardante il mondo dei blog.

Inoltre, sono l’autore del libro “WordPress dalla A alla W” (https://www.travagliante.com/wordpress-dalla-a-alla-w/), guida alla realizzazione di blog e siti web con questo fantastico strumento chiamato WordPress.

Per il mio libro, realizzato sia come libro cartaceo che come e-book, ho scelto la strada dell’auto-produzione, il cosiddetto “Self Publishing”.

Ho scelto il self publishing per tante ragioni, prima di tutto perché non volevo cedere il diritto allo sfruttamento commerciale della mia opera ad un editore.

Inoltre, perché volevo essere libero di produrre e promuovere il mio libro personalmente e al meglio, per distribuirlo al maggior numero possibile di lettori, senza “tagliare le gambe” alla mia opera.

Questa mia scelta, effettivamente, si è rivelata VINCENTE!!!

Infatti, sono riuscito a far conoscere il mio libro a tantissimi lettori interessati, senza dovere investire grosse somme di denaro con la remota speranza di recuperarle (la maggior parte dei contratti di edizione prevede l’esborso di molti soldi per l’acquisto di un minimo di copie cartacee, senza garanzie reali di vendita)!

Alla fine, sono riuscito a produrre e a promuovere nel modo migliore il mio libro e adesso mi godo i risultati del mio lavoro!

Tuttavia, ho notato che spesso, quando si parla di self publishing, si pensa a qualcosa di estremamente complicato, si pensa a qualcosa così impegnativa che un autore poco esperto non può sostenere…

SONO TUTTE BUGIE !!! FALSI MITI, ASSOLUTAMENTE DA SFATARE !!!

Promuovere e vendere un libro tramite il self publishing è estremamente semplice ed è alla portata di chiunque! Dall’autore affermato a quello emergente, alle prime armi!

Bisogna conoscere però alcune cose, per sapere dove “mettere le mani” e per ottenere il massimo dal tuo libro e/o e-book!

Per questo motivo, ho deciso di scrivere questo libro, per offrirti una guida di riferimento al self publishing e, al tempo stesso, una raccolta di consigli e suggerimenti, oltre che un’utilissima lista di 102 e più siti web necessari per aiutarti a trasformare il tuo libro in un’opera di successo!

Questo non è il solito libro con tante parole inutili, bensì un’importante guida di riferimento, con elementi pratici, links a siti web, a servizi specializzati di self publishing e mercati on line dove vendere il tuo libro, il tutto da 0 a 100 !!!

Ho realizzato quest’opera pensando a te e al tuo punto di vista, sia che tu sia un autore cosiddetto “emergente”, sia che tu sia uno scrittore affermato!

Perciò, se desideri conoscere tutto ciò che serve sul self publishing ed essere subito in condizione di promuovere e vendere il tuo libro / ebook, ecco il libro che non può mancare alla tua collezione!

Self Publishing - Crea, Promuovi e Vendi il tuo e-book su 102 siti web! Dettagli della pubblicazione:

Autore: Roberto Travagliante

ISBN: 9788890727061

Lingua: Italiano

Stampa formato A5: 52 pagine

Edizione: 2012 – Roberto Travagliante

Disponibilità in formato ebook (.PDF.EPUB.MOBI):
download immediato

Formato ebook:   € 4,99 soli 0,99 euro!

(Promozione speciale! Limitata nel tempo!) 

 

 

Scarica la tua copia in 50 secondi! Con sistema sicuro PayPal!

Il pagamento è sicuro al 100%. Puoi pagare con carta di credito, anche ricaricabile, con Postepay, o con bonifico bancario sui server sicuri e protetti di PayPal.

(Utente Paypal verificato)

       


Ecco la guida di cui hai bisogno per conoscere i segreti del self publishing e diventare così un autore di successo!

Un viaggio emozionante che ti permetterà di scoprire tutto ciò che c’è da sapere sulla promozione e vendita del tuo libro o ebook!

Cosa puoi fare con “Self Publishing – Crea, Promuovi e Vendi il tuo e-book su 102 siti web!”?

Tag, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , Maggiori informazioni

WordPress dalla A alla W: l’e-book per creare e far decollare il proprio blog!

Desideri creare e far decollare il tuo blog? Vuoi creare il tuo sito aziendale e/o personale?

Vuoi guadagnare con Internet? O promuovere te o la tua attività?

In altre parole, vuoi dar vita al tuo business con un blog?

WordPress dalla A alla W è la guida che fa per te!!!

 

 

Ciao a tutti!

Continua a crescere il numero degli utenti che hanno deciso di leggere il fantastico libro ed ebook “WordPress dalla A alla W” e che, soprattutto, hanno iniziato la propria attività di blogger utilizzando le informazioni e i suggerimenti contenuti in questa magnifica guida!

Quasi un mese e mezzo fa, veniva scaricata la prima copia elettronica di questo libro e veniva predisposto tutto il necessario per la stampa della versione cartacea. Da allora, è stato un “crescendo” sotto tutti i punti di vista!

Chi ha avuto modo di leggere il libro, in formato cartaceo e/o ebook (attualmente il libro è in offerta in formato elettronico a soli 4,99 euro in formato .PDF, .EPUB e MobiPocket) ne è rimasto piacevolmente colpito!

Sul sito https://www.travagliante.com è possibile leggere solo alcuni dei commenti lasciati da alcuni lettori, molti altri sono giunti via email e tramite Facebook.

Insomma, un’ottimo inizio per un progetto che era partito per essere un ebook di 20 pagine e che, pian piano, è diventato un vero e proprio libro di 219 pagine, senza fronzoli e dense di informazioni utili!

Eh si, perché sul web si trova di tutto, ma non tutto è utile per quelli che sono i propri obiettivi!

Ed è veramente difficile trovare il manuale giusto per poter creare e far decollare il proprio blog!

Questo è l’obiettivo principale di “WordPress dalla A alla W“! Fornire una guida utile per creare il tuo blog, per farlo decollare, per incrementare le tue visite, per promuoverlo e, perché no, per guadagnarci anche qualcosa!!!

Per questo motivo, il consiglio di SPACE 4 TUTORIAL è: visita il sito https://www.travagliante.com/, scarica l’anteprima del libro (ecco il link per il download), per vedere gli argomenti trattati!

E inizia subito a dar vita al tuo blog con WordPress!

Tag, , , , , ,